• 7,99 €

Descrizione dell’editore

«Dalla sera precedente la bora nera turbinava sulla città trascinando con sé tutto ciò che non era fissato saldamente. Le imposte sbatacchiavano e si sentiva continuamente lo schianto dei vasi di fiori o di altri oggetti che cadevano sulla strada o sulle automobili fittamente parcheggiate».
La bora soffia su Trieste ed è come una metafora delle minacce che gravano sul commissario capo Proteo Laurenti. La moglie lo ha appena lasciato, il figlio frequenta una bettola di naziskin e una bomba è esplosa alle porte della città massacrando un’intera famiglia slovena. Trieste è una terra di confine ed è con ogni tipo di confine, geografico, etnico e morale, che Laurenti se la deve vedere. Traffico illegale di uomini e merci, contrabbando, odi interetnici, rancori e vendette covati nel corso di decenni attorno a quelle foibe dove sono avvenuti mostruosi delitti politici, storie private in cui l’amore si è trasformato in odio feroce...

«È una storia dell’oggi saldamente ancorata a Trieste, ma capace di andare oltre la sua apparenza letargica».
Paolo Rumiz, La Repubblica

«Senza banalizzazione, con un avvincente plot, Heinichen scrive un romanzo insolito e divertente, narrando, lui straniero, un angolo d’Italia travolto dalla storia».
Lara Crinò, D/La Repubblica

GENERE
Misteri e gialli
PUBBLICATO
2011
11 maggio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
352
EDITORE
Edizioni e/o
DIMENSIONE
2.3
MB

Altri libri di Veit Heinichen

Altri libri di questa serie