• 6,99 €

Descrizione dell’editore

“Il bene prevale numericamente sul male, ma non sa fiutare il pericolo”“Ci fu un attimo di silenzio e si sentirono solo le cicale. Poi dalla gola di Drago uscì un lungo grido isterico: ‘Ma come c***o fa un cristiano a proteggere gli infedeli?’. L’uomo in mimetica si mise a battere il calcio del mitra sul terreno. Fermo sull’uscio, Gojko guardava muto, con le mutande abbassate. Dentro, qualcuno piangeva, probabilmente donne. Quando partì la raffica e il vecchio si accasciò di traverso sulla stuoia con la scritta Dobrodošli, ‘benvenuti’, l’espressione di disarmato stupore gli si era già fissata, definitivamente, sulla bocca e sugli occhi. […] Drago e il vecchio Gojko divennero per me l’immagine stessa del dualismo chiave di quella guerra: la spavalda astuzia del male e l’inerme cecità del bene. Da allora, tutto ciò che avevo visto in Bosnia si illuminò di significato nuovo e semplice.”

GENERE
Politica e attualità
PUBBLICATO
2013
2 gennaio
LINGUA
IT
Italiano
PAGINE
208
EDITORE
Feltrinelli Editore
DIMENSIONE
1.7
MB

Recensioni dei clienti

Lin Themaud ,

Un libro bellissimo

Davvero un bel libro che aiuta a capire che dietro il conflitto jugoslavo non c'è stato affatto l'odio tra popoli, bensì una macchinazione politica messa in atto da alcuni clan. Da leggere assolutamente.

Altri libri di Paolo Rumiz